Ureter ristretto - sintomi, trattamento

Questa patologia può essere congenita o acquisita. Con la stenosi congenita, la spremuta dell'uretere è più spesso osservata dalla nave, che ha una struttura anormale. Inoltre, il restringimento dell'uretere può essere il risultato di vari fattori dannosi (tubercolosi trasferita, presenza di urolitiasi o come conseguenza di lesioni, esposizione alle radiazioni, ecc.). Questa forma della malattia sarà considerata acquisita.

Il restringimento dell'uretere porta a una violazione del deflusso di urina, che a sua volta può portare allo sviluppo di altre complicazioni indesiderate. Questi includono:

Pertanto, in presenza di questa patologia, è necessario intervenire urgentemente con gli oncologi per risolverlo!

I sintomi di restringimento dell'uretere

I sintomi della contrazione ureterale sono:

  • Dolore opaco o acuto nella regione lombare;
  • Cambiamenti nelle urine (urina torbida, con un forte odore, tracce di sangue possono comparire nelle urine);
  • Ridurre la quantità di urina rilasciata (o la completa assenza di urina durante il processo bilaterale);
  • Aumento della temperatura corporea a 39-40 ° C;
  • Intossicazione generale (affaticamento, debolezza, malessere);
  • L'ipertensione;
  • Nausea, vomito;
  • Crampi muscolari

Cause di restringimento dell'uretere


I motivi per il restringimento dell'uretere sono:

  • Lesione ureterale:
  • Ferita da pugnalata;
  • Una ferita da arma da fuoco;
  • Danno iatrogeno (durante le manipolazioni mediche) - durante le operazioni sugli organi addominali; con l'introduzione di vari strumenti nell'uretere attraverso l'uretra (nella diagnosi di malattia renale);
  • Danno postradizionale (dopo radioterapia per cancro);
  • Urolitiasi (prolungata permanenza della pietra nell'uretere);
  • Leucoplachia dell'uretere (degenerazione della mucosa dell'uretere in un tessuto più denso, che porta a un restringimento del lume dell'uretere);
  • Pieloureterite cistica (formazione di bolle nella parete dell'uretere);
  • Bilharciasis (schistosomiasi) dell'uretere (una rara malattia parassitaria, dovuta alla colonizzazione del muro dell'uretere nelle sezioni inferiori dei piccoli vermi).

Trattamento di restringimento dell'uretere

Va ricordato che il trattamento del restringimento dell'uretere è sempre operativo!

L'ureteroplastica intestinale è un'operazione per sostituire parte dell'uretere con un tubo formato da parte delle pareti intestinali. L'operazione si svolge in caso di lesioni tumorali o danni all'uretere. Al primo stadio viene eseguita la resezione di parte dell'intestino. Quindi viene formato un tubo della lunghezza e del diametro richiesti. Dopo di che l'innesto risultante viene suturata con le estremità dell'uretere.

Per il restringimento esteso dell'uretere (ad esempio, la presenza di un restringimento lungo l'intera lunghezza dell'uretere) si utilizza ureteroplastica intestinale parziale o completa. La parte ristretta è sostituita da un innesto, che è formato dai tessuti della parete intestinale. La chirurgia plastica intestinale è un trattamento efficace per restringere l'uretere ed è un intervento chirurgico lungo ed esteso. Pertanto, è controindicato in pazienti indeboliti, pazienti in condizioni gravi.

Il trattamento del restringimento degli ureteri può avvenire in molti modi. Tutto dipende dal grado di complessità, dalla lunghezza del restringimento, dallo stato di salute del paziente. Questa patologia può portare a gravi conseguenze, quindi in presenza dei suddetti sintomi, il paziente deve contattare immediatamente la clinica per un aiuto specializzato.

Inoltre, è necessario effettuare una serie di misure preventive che impediscono lo sviluppo di questa patologia, vale a dire:

  • Evitare ferite alla schiena (coltello, sparo);
  • Trattamento tempestivo di urolitiasi e altre malattie;
  • Esecuzione di un'ecografia dei reni per la diagnosi precoce delle malattie dell'uretere (con l'insorgere dei sintomi di questa patologia).

Stenosi ureterale: sintomi e trattamento

Stenosi ureterale - sintomi principali:

  • Lombalgia
  • nausea
  • vomito
  • Alta pressione sanguigna
  • Forte odore di urina
  • Produzione di urina ridotta
  • Torbidità delle urine

La stenosi ureterale è una patologia caratterizzata da una diminuzione del lume dell'uretere e dall'espansione del sistema di raccolta dei reni, che porta all'interruzione del deflusso delle urine dai reni. L'uretere è un organo a forma di tubo cavo che collega il rene alla vescica. Il suo compito principale è quello di rimuovere l'urina dal rene. Per ragioni fisiologiche e anatomiche, l'uretere può espandersi, ma durante la formazione delle stenosi si verifica un cambiamento fibro-sclerotico negli strati sottomucoso, muscolare ed esterno dell'organo. Questo processo porta all'atrofia dello strato muscolare e alla crescita del tessuto cicatriziale connettivo.

Come risultato di questo processo patogeno, un significativo restringimento dell'uretere di diametro si verifica nel corpo. Ciò porta ad un alterato deflusso di urina dal rene nella vescica - l'urina ristagna sopra la stenosi, l'organo si espande sotto pressione dall'urina e viene rigettato nella pelvi renale.

Il più delle volte si verifica la sconfitta delle pareti dell'uretere durante la transizione dal bacino e nel luogo di afflusso nella vescica.

eziologia

Le cause dello sviluppo della patologia possono essere congenite o acquisite. I fattori ereditari della manifestazione della malattia includono cambiamenti cicatriziali nelle pareti del lume a causa di anomalie ereditarie e spremitura quando vengono incrociati con i vasi sanguigni.

L'aspetto del restringimento acquisito dell'uretere è i seguenti motivi:

  • operazioni e procedure strumentali;
  • piaghe da decubito da pietre;
  • infezioni urinarie;
  • danno al tessuto circostante - periuretrite;
  • esposizione alle radiazioni;
  • la tubercolosi.

La malattia dagli effetti delle radiazioni potrebbe svilupparsi dopo la radioterapia, che viene effettuata negli uomini con carcinoma della prostata e nelle donne con disturbi genitali. Sotto l'influenza di un tale fattore eziologico, la patologia si svilupperà solo nella regione pelvica.

classificazione

Le stenosi ureterali si possono formare in varie forme - congenite e acquisite.

Per una diagnosi dettagliata della malattia il paziente deve stabilire la malattia mediante la localizzazione del danno. Secondo questo criterio, i medici distinguono queste forme:

La malattia può formarsi su lati diversi, quindi, questi tipi di malattie si distinguono - stenosi dell'uretere sinistro, destro o bilaterale.

sintomatologia

Stenosi ureterale si manifesta in minzione compromessa. Come risultato di questo processo patologico, una persona sviluppa altri disturbi: idronefrosi, pielonefrite, urolitiasi, insufficienza renale. A questo proposito, il paziente si lamenta di tali manifestazioni della malattia:

  • ombra fangosa e odore fetido di urina;
  • dolore nella zona lombare;
  • ipertensione;
  • riduzione significativa della quantità di urina escreta;
  • nausea e vomito.

diagnostica

Nella diagnosi della malattia il medico deve prima stabilire la causa del verificarsi di un processo e sintomi avversi. Dopo aver chiarito i reclami, chiarire la storia della malattia e la vita, il paziente viene sottoposto a test di laboratorio - un'analisi generale e biochimica del sangue e delle urine. Anche diagnosi obbligatoria dei metodi strumentali della malattia:

  • Ultrasuoni dei reni;
  • doplerografia vascolare;
  • Raggi X con contrasto e senza;
  • imaging.

Grazie allo studio condotto con il metodo dell'angiografia tridimensionale ad ultrasuoni con carico diuretico, il medico può determinare l'area anormalmente estesa dell'organo urinario sopra la formazione di stenosi e analizzare anche le condizioni dei vasi renali.

La radiografia consente di valutare il tessuto renale e il tratto urinario, per identificare una diminuzione del lume dell'organo, la lunghezza delle stenosi, per determinare il deterioramento della funzione secretoria dei reni.

In situazioni speciali, i medici usano la tomografia per la diagnosi. Questo metodo consente di rilevare ulteriori patologie che possono interessare i reni e l'uretere.

Molto meno frequentemente, i medici utilizzano questi tipi di esami con metodi strumentali: urografia endovenosa, pieliradirografia anterograda, nefroscintigrafia, uretroscopia.

trattamento

Durante l'esacerbazione della stenosi ureterale, a un paziente viene indicato un certo trattamento, pertanto i medici proibiscono al paziente di applicare una bottiglia d'acqua calda su un punto dolente, fare vari impacchi, ecc. Tale terapia indipendente può portare ad un aumento della secrezione urinaria, che causerà una scarica renale difficile. Come risultato di questo processo, il paziente inizia a sviluppare complicazioni e la malattia progredirà.

Trattare la malattia può essere diversi metodi chirurgici. Il medico determina la tecnologia ottimale in base allo stato funzionale funzionale dei reni e alla lunghezza del restringimento del lume. Al paziente viene assegnata l'operazione di questo tipo:

  • rimozione della zona interessata dell'uretere con un leggero cambiamento delle pareti del corpo;
  • apertura o puntura di nefrostomia - viene eseguita in caso di danno significativo;
  • taglio della cicatrice endouretrale, posizionamento dello stent e inserimento di un tubo speciale nella sezione con un lume ridotto per aumentarlo;
  • il tessuto fibroso che schiaccia l'uretere viene rimosso dall'uretrolisi;
  • ureteroureteroanastomoz - rimozione dell'area ristretta con ulteriore cucitura delle estremità sul catetere, che è stata precedentemente inserita nella cavità dell'uretere;
  • plastica intestinale - l'area interessata è sostituita da una parte dell'intestino;
  • nefrectomia - completa rimozione del rene con l'uretere, se compaiono complicanze.

Dopo l'operazione, al paziente viene prescritto l'uso di antibiotici, acque minerali e vitamine per una pronta guarigione.

complicazioni

Se non si inizia a trattare la malattia in tempo, allora il paziente può sviluppare gravi complicazioni:

  • idronefrosi - il liquido si accumula nei reni e negli ureteri, la loro funzionalità è disturbata;
  • rottura dell'uretere;
  • insufficienza renale cronica;
  • frequenti recidive di disturbi cronici del sistema urinario;
  • urolitiasi.

Prognosi e prevenzione

In caso di rimozione chirurgica tempestiva della zona interessata, la prognosi per il recupero e la vita del paziente è favorevole.

Per evitare la chirurgia e lo sviluppo della malattia, i medici consigliano di aderire a tali misure preventive:

  • prevenire danni meccanici alla schiena;
  • trattare le malattie del sistema urinario.

Inoltre, i medici consigliano di sottoporsi annualmente ad una visita medica con il controllo obbligatorio di un'analisi generale del sangue e delle urine.

Se pensi di avere una stenosi dell'uretere e i sintomi caratteristici di questa malattia, allora il tuo urologo potrebbe aiutarti.

Suggeriamo inoltre di utilizzare il nostro servizio online di diagnostica delle malattie, che seleziona le possibili malattie in base ai sintomi inseriti.

La nefrite in medicina è chiamata l'intero gruppo di varie malattie infiammatorie dei reni. Tutti hanno una diversa eziologia, così come un meccanismo evolutivo, caratteristiche sintomatiche e patologiche. In questo gruppo, i clinici comprendono processi locali o comuni, durante i quali il tessuto renale cresce, parzialmente o completamente distrutto.

La sindrome nefritica è una condizione patologica caratterizzata da infiammazione dei glomeruli del rene con segni di azotemia. Questo processo, di regola, procede sullo sfondo di grave ematuria, proteinuria. Di conseguenza, il sale e la ritenzione di liquidi si verificano nel corpo umano.

La malattia di Berger (igA-nefropatia, igA-nefrite) è una forma non infettiva di glomerulonefrite, caratterizzata da un decorso clinico lento, aumento di ematuria, proteinuria e insufficienza renale. La malattia è pericolosa perché non è stato sviluppato il trattamento specifico per esso.

Glomerulonefrite significa una malattia infiammatoria in cui sono colpiti piccoli vasi dei reni (glomeruli). La glomerulonefrite, i cui sintomi si manifestano sotto forma di danno alle principali funzioni dei reni, è una malattia bilaterale, mentre le funzioni direttamente interessate dalla malattia includono la formazione di urina, così come l'eliminazione di sostanze tossiche e generalmente non necessarie dal corpo.

La pielonefrite è una malattia infiammatoria in cui i reni sono colpiti, questo si verifica quando una serie di fattori avversi si combinano con l'esposizione a determinati microrganismi. La pielonefrite, i cui sintomi sono spesso assenti, è pericolosa proprio per questo motivo, poiché lo stato generale di salute non è disturbato e pertanto non vengono prese misure per il trattamento. La malattia può essere unilaterale o bilaterale, e anche primaria o secondaria, cioè si sviluppa con reni precedentemente sani o con le loro patologie esistenti.

Con l'esercizio e la temperanza, la maggior parte delle persone può fare a meno della medicina.

Stenosi e piega dell'uretere negli uomini

Stenosi (o stenosi) dell'uretere - restringimento dei tubuli ureterali di natura anormale. I cambiamenti nella struttura dei tessuti, le loro cicatrici parzialmente (in alcuni casi completamente) violano la pervietà dell'organo. L'uretere stretto di un sistema urogenitale sano può espandersi se necessario a causa dell'elasticità delle pareti. I cambiamenti fibrosi delle membrane mucose, muscolari ed esterne della parete dell'organo sono annotati nella stenosi dell'uretere.

Si verifica l'atrofia muscolare e la loro sostituzione con tessuto cicatriziale grossolano e anelastico. Non è difficile indovinare che tali cambiamenti influenzano in modo estremamente negativo il lavoro dell'uretere. Il tessuto delle pareti adiacenti alle aree sfregiate è sottoposto a una forte pressione, motivo per cui si allungano rapidamente, si piegano e si allungano.

La piega dell'uretere rende difficile la minzione, rendendola spesso dolorosa. Pertanto, se si rilevano nei propri sintomi sconosciuti associati al sistema urinario, è necessario contattare immediatamente uno specialista.

Cause di stenosi ureterali

A seconda del tipo di stenosi, si distinguono i seguenti motivi per il loro aspetto:

  • Malformazioni congenite del sistema urogenitale. Molto spesso, il restringimento degli ureteri si verifica a causa della loro compressione da parte dei vicini (accessori) vasi sanguigni dei reni.
  • Lesioni di diversa natura La stenosi si verifica a seguito di ferite di coltello o di arma da fuoco. Stimolare questa patologia può interventi chirurgici non qualificati. Ad esempio, il funzionamento degli organi addominali o della piccola pelvi, l'introduzione attraverso il canale uretrale nell'uretere degli strumenti medici (procedure diagnostiche).
  • Danno postradizionale. Questi includono cambiamenti strutturali nei tessuti che si verificano dopo l'irradiazione di tumori cancerogeni di organi vicini del sistema riproduttivo.
  • Residenza prolungata di pietre nell'uretere con urolitiasi.
  • Effetto negativo sul sistema urogenitale di malattie di eziologia infettiva.
  • Infezione da parassiti (bilharciasis del tessuto dell'uretere). In questa malattia, le pareti del corpo si infiammano con l'esposizione ai prodotti di scarto dei vermi.

Il restringimento dell'uretere negli uomini viola la naturale escrezione di urina dal corpo e può provocare lo sviluppo di malattie gravi come la cistite, l'urolitiasi, le cisti nella pelvi renale, i processi infiammatori nei testicoli e le appendici.

Sintomi della malattia

Le stenosi dell'uretere possono disturbare lo stile di vita abituale dei pazienti, poiché causano disagio e dipendenza dalle visite ai servizi igienici. Ma questa è solo una piccola parte delle manifestazioni della malattia. I principali sintomi di restringimento del passaggio dell'uretere sono i seguenti:

  1. dolore sordo e dolente nella regione lombare.
  2. dolore alla schiena pronunciato, acuto, che è spesso accompagnato da nausea, brividi, vomito.
  3. crampi muscolari e crampi.
  4. cambiare la quantità giornaliera di urina rilasciata (solitamente diminuisce).
  5. torbidità delle urine, l'aspetto in esso di elementi di sangue, inclusioni mucose.
  6. odore innaturale o acuto di urina.
  7. sanguinamento dal canale uretrale, che non è associato al processo di minzione.
  8. l'indebolimento della pressione e la minzione del getto.
  9. disagio e dolore durante la minzione.
  10. l'incapacità di urinare senza ulteriore tensione dei muscoli dell'addome.
  11. aumento della temperatura corporea, raggiungendo fino a 40 ° C (risposta del corpo al processo infiammatorio).
  12. ipertensione arteriosa.
  13. segni di debolezza generale del corpo (stanchezza, sonnolenza, basse prestazioni).

Diagnosi di stenosi ureterale

Per determinare la stenosi in medicina utilizza una varietà di procedure diagnostiche. Il più comune di questi è l'uretrografia. È un'entrata nel canale della minzione di uno speciale agente di contrasto. Non appena riempie l'uretere, il medico vede chiaramente le aree ristrette dell'organo. La procedura viene eseguita in due modi:

  • consegna endovenosa di un agente di contrasto. Passando attraverso i reni, raggiunge la vescica, e al momento dell'inizio dell'atto di minzione il medico fotografa l'immagine che è sorto. L'immagine mostrerà stenografie, il loro numero e posizione;
  • fornitura della sostanza agli ureteri sotto pressione. Prodotto attraverso l'uretra.

Il metodo ha molti vantaggi. Il principale è la visualizzazione diretta dello stato dell'uretere, che può essere osservato sia dal medico che dal paziente sullo schermo di un apparecchio speciale.

Esistono altri metodi di analisi differenziale. La scelta di una procedura diagnostica dipende dallo stato dell'uretere, dalla gravità dei sintomi e dalla lunghezza della stenosi. I seguenti metodi saranno offerti ai pazienti:

  1. Diagnosi ecografica L'area di studio è i reni.
  2. Tomografia computerizzata (o a risonanza magnetica). È nominato in casi particolarmente difficili o dubbi. Condotto attraverso il contrasto. La tomografia consente di identificare anormalità patologiche associate che influiscono negativamente sul lavoro degli ureteri e dei reni.
  3. Tipo di ecografia angiografica tridimensionale. Con il suo aiuto, il medico determinerà l'espansione al di sopra della zona di stenosi, valutando le condizioni delle grandi navi dei reni.
  4. Tsitoskopiya. Questo è un metodo aggiuntivo per diagnosticare una malattia. Viene eseguita introducendo un cistoscopio metallico nell'area della vescica. Attraverso l'occhio del tubo, il diagnostico sarà in grado di valutare l'aspetto della membrana mucosa dell'organo. Per vedere le aree delle stenosi, è necessaria un'ulteriore iniezione endovenosa della sostanza indigotina.

Trattamento di restringimento dell'uretere

La stenosi ureterale è una malattia che può essere eliminata solo attraverso un trattamento chirurgico. L'una o l'altra operazione è selezionata sulla base di indicatori della lunghezza delle aree ristrette, delle condizioni generali dei reni e degli ureteri connessi con loro.

Se il tessuto renale è minimamente compromesso, vengono prescritte varie operazioni ricostruttive del dipartimento dell'uretere danneggiato. Il loro obiettivo principale è quello di restituire agli ureteri e ai reni la capacità di liberare il flusso di urina, per eliminare i dotti ostruiti. La placca ricostruttiva viene eseguita rapidamente e non richiede un lungo periodo di riabilitazione.

Quando la malattia entra in uno stadio grave o minaccia lo sviluppo dell'insufficienza renale in un paziente, lo stadio iniziale della manipolazione chirurgica è la puntura o la nefrostomia aperta.

La bougienage è una misura temporanea per l'eliminazione della stenosi, che viene eseguita durante il trattamento ambulatoriale e in anestesia locale. È usato raramente a causa dell'alto dolore del processo. Il medico usa una barra liscia di metallo, che spinge il lume nell'uretere.

L'ureterolisi chirurgica consiste nel rimuovere il tessuto (fibroso) modificato, che pizzica l'uretere dall'esterno. Per il massimo effetto, è combinato con resezione di stenosi e altri tipi di ricostruzione di organi.

Il prossimo metodo per evacuare l'urina raccolta è il drenaggio del rene attraverso la pelle. La puntura viene effettuata nella regione lombare utilizzando l'anestesia locale. Si consiglia di eseguire contemporaneamente test a ultrasuoni. Non appena l'ago colpisce l'area del bacino, attraverso di esso viene guidato un catetere morbido. Attraverso di lui sarà la rimozione delle urine.

L'uretrotomia del tipo ottico consiste in una dissezione attenta di una sezione stretta da un cytoscope. Ma aiuterà a eliminare il problema solo se il restringimento non supera 0,5 cm. Nel lume risultante, una molla è costituita da un materiale speciale che acquisisce un nuovo tessuto, acquisendo una forma anatomicamente corretta.

L'escissione e la rimozione dei reni o dell'uretere viene eseguita solo nei casi più avanzati. Ad esempio, quando un paziente ha gravi patologie (pirosifrosi, idronefrosi).

La chirurgia plastica ureterale è efficace per le stenosi lunghe 1-2 cm e l'area asportata con patologia viene sostituita con tessuti umani sani prelevati da specifiche aree del corpo.

Ciascuno dei metodi sopra descritti per il trattamento della stenosi è accompagnato da una terapia antibiotica. I preparativi possono essere prescritti solo da uno specialista. Questo è necessario per prevenire l'ingestione di infezioni. La flora patogena sopprime con successo farmaci come Ofloxacin o Cefuroxime. Per escludere possibili complicazioni dopo la chirurgia plastica ureterale, si consiglia al paziente di seguire tutte le istruzioni del medico.

Prevenzione delle malattie

Una componente importante del mantenimento della salute del sistema urogenitale di una persona è l'implementazione di misure preventive. Sono come segue:

  • Esclusione di qualsiasi lesione alla regione lombare e alla schiena. In caso di caduta o altre lesioni, contattare immediatamente la struttura medica.
  • Accesso tempestivo a un medico e trattamento di malattie associate a infiammazione o infezione degli organi urinari.
  • Diagnostica ecografica preventiva di quest'area con la comparsa di qualsiasi sintomo di questa patologia.

Stenosi ureterale

Stenosi ureterale - un anormale restringimento del canale uretrico, che viola completamente o parzialmente la sua pervietà. La stenosi ureterale si manifesta con sintomi di patologie associate: pielonefrite, formazione di calcoli, idronefrosi, insufficienza renale cronica. Una stenosi ureterica viene diagnosticata sulla base dei risultati di urografia, ecografia, risonanza magnetica e TC dei reni. Il trattamento delle stenosi ureterali è operativo, consiste in escissione e plastica dell'area patologica.

Stenosi ureterale

Il restringimento anatomico e fisiologico normalmente disponibile dell'uretere, se necessario, può espandersi significativamente grazie alla sua parete elastica. Al contrario, fibrosi e cambiamenti sclerotici si verificano nella stenosi dell'uretere, interessando gli strati sottomucosi, muscolari e esterni della parete dell'uretere. A sua volta, ciò porta all'atrofia di una parte degli elementi muscolari e alla loro sostituzione con tessuto cicatriziale, ipertrofia delle fibre muscolari trasversali e cambiamenti nell'innervazione della parete.

Di conseguenza, nell'area della stenosi vi è una diminuzione persistente del diametro del dotto escretore, che porta all'interruzione della normale funzione dell'uretere. Nelle aree più alte della stenosi a causa dell'urina stagnante, la pressione sull'uretere aumenta, si osserva allungamento, allungamento e arricciatura, è possibile che il bacino si dilati e possa svilupparsi idronefrosi (ureteroidronefrosi).

Le stenosi possono verificarsi in diverse parti dell'uretere e hanno diverse lunghezze. Molto spesso si osservano stenosi nei siti Yuxtaseical (transizione dell'uretere alla vescica) e piyeleterale (transizione del bacino verso l'uretere). Un vero stenosi ureterale è congenito e acquisito. Le stenosi ureterali possono essere unilaterali e bilaterali, singole e multiple, vere (a causa delle modifiche che interessano il muro) e false (a causa della sua compressione dall'esterno).

Cause di stenosi ureterale

Per le stenosi congenite dell'uretere, l'urologia classifica i cambiamenti cicatriziali della parete duttale a causa di anomalie ereditarie esistenti, così come la sua pressione durante l'incrocio con i vasi sanguigni (ad esempio, un vaso renale aggiuntivo). Le cause della stenosi acquisita sono danni all'uretere a causa di operazioni e varie procedure strumentali (stenting uretrale, ureteroscopia, ecc.), Lesioni, piaghe da decubito da pietre, infezioni urinarie (tubercolosi, gonorrea) e infiammazione dei tessuti circostanti (peruterite), danni da radiazioni.

Nella tubercolosi si formano più stenosi ureterali cicatriziali nelle aree che sono state infiltrate e ulcerate. Le stenosi post-radiazioni dell'uretere sono generalmente osservate nella regione pelvica e possono essere associate alla radioterapia per il cancro della prostata, del retto e degli organi genitali femminili. Le stenosi ureterali dopo interventi chirurgici urologici (ureterolitotomia, ricostruzione del segmento pelvico-ureterale) possono essere osservate in qualsiasi parte dell'uretere.

Sintomi di stenosi ureterale

Il quadro clinico della stenosi ureterale è causato da una violazione del flusso libero di urina dal rene e dallo sviluppo di vari processi patologici in questo contesto: idronefrosi, pielonefrite, urolitiasi; con danno bilaterale - insufficienza renale cronica.

Pertanto, quando i pazienti con stenosi ureterale si lamentano, caratteristica di queste malattie: dolore opaco o acuto nella regione lombare, rilascio di urina torbida, maleodorante, febbre, diminuzione delle urine, intossicazione generale, ipertensione, nausea, vomito, crampi muscolari, ecc..

Diagnosi di stenosi ureterale

La diagnosi di stenosi ureterale viene stabilita in base ai risultati dell'ecografia dei reni, dell'ecografia dei vasi, dell'esame radiopaco, della TC dei reni e della RM. Condurre l'angiografia ecografica tridimensionale con carico diuretico consente di vedere contemporaneamente l'uretere esteso al di sopra della stenosi e valutare i vasi renali.

L'urografia radiopaca (escretore, infusione, retrograda) offre l'opportunità di visualizzare il tessuto renale e il tratto urinario, determinare il restringimento degli ureteri, la lunghezza delle stenosi, valutare la riduzione della capacità escretoria renale. Nei casi difficili, viene utilizzata la TC o la risonanza magnetica, rilevando inoltre malattie di organi e tessuti adiacenti che interessano i reni e gli ureteri.

Trattamento della stenosi ureterale

La stenosi ureterale è un'indicazione assoluta per il trattamento chirurgico, la cui scelta è determinata dallo stato strutturale e funzionale degli ureteri e dei reni, dalla lunghezza e dal livello della stenosi. Con un danno minimo al tessuto renale, vengono eseguite varie operazioni ricostruttive del corrispondente dipartimento dell'uretere, il cui scopo è quello di eliminare il restringimento del dotto, per ripristinare il libero flusso di urina dall'apparato pelale renale.

Con lesioni gravi del tratto urinario superiore e lo sviluppo di insufficienza renale, il primo stadio del trattamento chirurgico è aperto o nefrostomia puntura. Talvolta vi è una dissezione endoureterale delle aderenze con posizionamento dello stent, bougienage e dilatazione del palloncino dell'uretere ristretto, ma non danno un effetto duraturo e possono portare a complicazioni ancora maggiori. Ureterolisi: rimozione chirurgica del tessuto fibroso, spremitura e deformazione degli ureteri dall'esterno, per una maggiore efficienza unita alla resezione dell'area ristretta e ad altre operazioni ricostruttive.

Quando ureteroureteroanastamose spendono la resezione obliqua della stenosi ureterale e cucendo le sue estremità su una speciale inserita all'interno del catetere; con pyelouretero-anastomosi - dopo una dissezione longitudinale del canale dell'uretere (compresi i suoi tessuti sani, stenosi e parte del bacino), le pareti sono cucite nella direzione trasversale (da un lato all'altro). L'ureterocistananastamosi diretta viene eseguita in presenza di una singola stenosi nella bocca della bocca, dopo aver tagliato il quale l'estremità intatta dell'uretere viene cucita nel muro della vescica.

L'operazione modificata di Boari (ureterocistanastasi indiretta) viene utilizzata con stenosi più lunghe (fino a 10-12 cm) dell'uretere, consente di formare una parte remota dell'uretere del lembo della vescica. Quando una stenosi nel segmento pelvico-ureterale per sostituire parte dell'uretere al posto del restringimento crea un lembo dalla parete laterale della pelvi renale (operazione di Foley).

Per estensive stenosi ureterali, viene utilizzata ureteroplastica intestinale parziale o completa, in cui la sua parte ristretta viene sostituita da un autotrapianto formato dal tessuto della parete intestinale. La plastica intestinale dell'uretere è piuttosto grande in termini di volume e durata dell'operazione, che è controindicata per i pazienti gravemente malati e debilitati nel periodo post-traumatico acuto. Quando le stenosi ureterali sono complicate da gravi lesioni del tessuto renale (tubercolosi policavernosa, idronefrosi, pyonephrosis, rughe del rene), viene eseguita la nefroureterectomia (rimozione del rene e dell'uretere).

Prognosi per stenosi ureterali

Per ottenere un risultato favorevole, la chirurgia plastica ricostruttiva per le stenosi ureterali deve essere eseguita nelle prime fasi prima dello sviluppo dell'insufficienza renale cronica.

Dopo la plastica ricostruttiva delle stenosi ureterali, la riabilitazione postoperatoria gioca un ruolo importante. Possibili complicanze delle operazioni per le stenosi dell'uretere è il fallimento delle anastomosi, che porta al flusso urinario retroperitoneale, allo sviluppo di flemmone urinario, alla peritonite.

Cause di stenosi nell'uretere: sintomi e preparazione per la chirurgia

La capacità di rigenerare i tessuti viventi (ripristinare) è un fattore importante per garantire il pieno funzionamento dei vari sistemi corporei.

Tuttavia, è la rigenerazione che spesso causa cambiamenti irreversibili nei tessuti.

Un esempio di ciò è l'aterosclerosi vascolare, la stenosi ureterale o l'uretra.

Nonostante le significative differenze nei siti di localizzazione (arterie e tratto urinario), in tutti i casi, il meccanismo di guarigione porta a un restringimento del lume dell'organo e alla perdita della capacità di svolgere le funzioni necessarie.

Informazioni di base sulla patologia

In contrasto con il processo di sclerosi vascolare, in cui il processo patologico può durare per molti anni senza alcun segno di compromissione, il restringimento del lume dell'uretere (uretere), in un intervallo di tempo relativamente breve, porta allo sviluppo di una condizione acuta causata da insufficienza renale acuta o cronica.

Poiché l'uretere è un tubo costituito da fibre muscolari lisce, coperte all'esterno con tessuto connettivo, e all'interno da membrane mucose, ha una certa mobilità ed elasticità.

La posizione e la struttura dell'uretere a causa della necessità di rimuovere i prodotti liquidi di scarto della persona (urina) dai reni nella vescica.

La larghezza di un uretere sano è di circa 5-8 mm e presenta numerosi restringimenti naturali (fisiologici). Le contrazioni più pronunciate sono l'ureterotasi, che si forma durante la transizione dell'uretere dal peritoneo alla pelvi e il pieletereterale, formando una connessione con la pelvi renale.

Come ogni altro organo, l'uretere ha il proprio apporto di sangue attraverso l'arteria renale, iliaca e aorta.

Cause della formazione

La ragione principale per la formazione di una stenosi ureterale è una violazione dell'integrità delle sue pareti interne, innescando il processo di recupero attraverso la formazione di una cicatrice sulla superficie danneggiata.

La classificazione delle stenosi viene effettuata a seconda della natura dell'effetto patologico sull'organo urinario, nonché sulla posizione e sul grado del danno.

Stenosi congenite e acquisite. Le prime sono lesioni cicatriziali o ischemiche della parete dell'uretere causate da varie anomalie anatomiche.

Per esempio, piegando l'uretere o comprimendo la sua parete con un vaso renale aggiuntivo o insolitamente localizzato che interrompe il normale afflusso di sangue ai tessuti. Il danno acquisito può essere suddiviso nei seguenti tipi:

  • aprire;
  • iatrogena;
  • infiammatorio;
  • oncologia.

Le lesioni aperte che portano allo sviluppo di una stenosi dell'uretere sono piuttosto rare e sono il risultato di lesioni addominali (coltello o arma da fuoco).

In questo caso, la formazione della cicatrice è una conseguenza dell'intervento chirurgico per ripristinare l'integrità dell'organo danneggiato.

La natura iatrogena del danno occupa un posto di primo piano nel numero totale di casi diagnosticati di stenosi dell'uretere. I cambiamenti patologici, in questo caso, sono causati da lesioni delle alte vie urinarie durante varie procedure mediche:

  • chirurgia sugli organi pelvici nelle donne;
  • trattamento chirurgico dell'iperplasia prostatica negli uomini;
  • condurre procedure chirurgiche diagnostiche o minimamente invasive mediante l'uso di apparecchiature endoscopiche (uretroscopia, inserimento di stent o catetere);
  • irradiazione radioattiva nel trattamento del cancro pelvico.
  • malattie infiammatorie delle vie urinarie sono anche una delle cause più comuni di formazione di stenosi.

Tra le patologie infettive sono:

L'inflessione dell'uretere può essere il risultato di una spremitura di tumori (tumori, cisti).

Processo di formazione della cicatrice

Le stenosi si sviluppano nell'uretere mediante la proliferazione intensiva delle fibre di collagene che sostituiscono i tessuti danneggiati.

La dimensione della "patch" creata dipende direttamente dalle caratteristiche individuali dell'organismo (la tendenza a formare cicatrici cheloidi) e dalla quantità di necrosi.

Poiché la cicatrice risultante non ha l'elasticità inerente a un organo sano, si verifica un restringimento patologico della pervietà del canale urinario.

La natura del danno determina la localizzazione e la lunghezza della stenosi. Pertanto, nella urolitiasi, la lesione si trova nel terzo superiore dell'uretere, o nell'area dell'anastomosi ureterica pelvica.

Tale stenosi è caratterizzato da una piccola estensione e da un profondo danno alla parete dell'organo, dal momento che il calcolo spostato non solo ferisce la mucosa, ma interrompe anche il normale apporto di sangue ai tessuti.

Quando esposto alla radioterapia, un grande frammento della parte retroperitoneale dell'uretere è esposto a cambiamenti di stenosi.

Lesioni significative di varia localizzazione si verificano nella tubercolosi. Eruzioni cavernose possono interessare l'uretere per tutta la sua lunghezza, formando focolai di manifestazioni che portano a cambiamenti irreversibili negli organi urinari nel processo di cicatrici.

La manifestazione del quadro clinico

Il verificarsi di stenosi ureterale non ha sintomi che sono caratteristici di questa particolare malattia.

I segni evidenti di ostruzione del canale urinario sono determinati solo con lo sviluppo di complicazioni causate da una violazione delle urine.

A seconda dell'eziologia della malattia, i sintomi possono indicare lo sviluppo di insufficienza renale cronica, urolitiasi o processi infiammatori.

Di regola, si verificano i seguenti sintomi:

  • dolore sordo e dolente nella regione lombare;
  • colica renale (dolore acuto con irradiazione laterale);
  • diminuzione della quantità di urina con un'adeguata assunzione di liquidi;
  • segni di intossicazione (nausea, vomito, convulsioni);
  • ipertensione;
  • torbidità delle urine o odore sgradevole;
  • aumento della temperatura corporea.

Un fattore importante che influenza l'insorgenza dei sintomi è una lesione singola o bilaterale dell'apparato renale.

In quest'ultimo caso, i sintomi potrebbero essere assenti per lungo tempo.

Un corso acuto con dolore severo si osserva quando l'uretere viene ligato durante l'intervento chirurgico o con urolitiasi.

Misure diagnostiche

La diagnosi di stenosi ureterale include metodi di indagine strumentali e di laboratorio.

L'elenco dei metodi di ricerca di laboratorio include analisi che consentono di valutare lo stato funzionale del sistema urinario:

  • analisi delle urine;
  • analisi del sangue biochimica (livello stimato di urea e creatina);
  • coltura urinaria batterica per identificare l'agente eziologico dell'infezione.

I metodi di ricerca strumentale consentono non solo di valutare visivamente i cambiamenti nella struttura dell'apparato renale, ma anche di determinare con sufficiente precisione la localizzazione del restringimento e la sua lunghezza. Diversi modi per diagnosticare:

  1. Stati Uniti. Con esso, è possibile rilevare cambiamenti anatomici nella struttura dell'apparato renale (un aumento della pelvi, l'espansione e l'allungamento dell'uretere);
  2. MR. Metodo altamente informativo utilizzato nel caso di un'indagine pianificata e in caso di emergenza.
  3. Tomografia computerizzata (CT). Nonostante l'elevata dose di radiazioni, la TC è un metodo diagnostico estremamente informativo, che consente non solo di rilevare la posizione dell'ostruzione, ma anche di determinarne il grado, fino a una valutazione delle variazioni dello spessore della parete dell'uretere. L'esecuzione della TC con l'uso di una sostanza radiopaca aumenta il grado di contenuto informativo, ma viene utilizzata solo in pazienti con funzione renale conservata.
  4. Urografia escretoria. Un metodo obsoleto, che è meno informativo di CT con contrasto.
  5. Ureterografia retrograda. Viene utilizzato mantenendo la minima pervietà del canale ureterale. Usando un catetere, un agente di contrasto viene inserito attraverso l'uretra nella pelvi renale con una serie successiva di colpi.
  6. Ureterografia anterograda. Si ricorre all'ureterografia anterograda quando è necessario per determinare con precisione la posizione e l'estensione della stenosi in completa assenza di pervietà uretrale. Il contrasto in questo caso viene iniettato direttamente nel rene con un ago attraverso una puntura nella pelle. Dopo aver scattato le foto, il contrasto viene espulso.

metodi di terapia

Il trattamento della stenosi ureterale viene effettuato esclusivamente chirurgicamente e include:

  • bougienage o balloon dilatation seguita da stenting;
  • chirurgia endoscopica;
  • chirurgia aperta (chirurgia ricostruttiva).

Prima di ogni intervento, al paziente viene posta la nefrostomia per scaricare il fluido in eccesso dalla cavità della pelvi renale.

Il metodo del bougienage consiste nell'uso di strumenti metallici - bougie, con l'aiuto del quale espandono l'area ristretta, dove i muri di sostegno dello stent vengono successivamente installati nello stato espanso.

Simile al metodo di dilatazione del palloncino, nella cui implementazione, le pareti dell'uretere si estendono con un palloncino gonfiabile, la bougienage è un intervento minimamente invasivo eseguito attraverso l'uretra e la vescica.

La scelta del metodo di chirurgia ricostruttiva viene effettuata sulla base dei dati ottenuti durante la diagnostica strumentale e dipende dalla lunghezza e localizzazione della stenosi.

Nella posizione della stenosi nella regione del segmento pelvico-ureterico, viene data preferenza al metodo di Anderson-Haynes o alle sue modificazioni di Foley, Kalp e Davis.

Dall'idronefrosi allargata del bacino, si ritaglia un lembo a forma di V o a forma di spirale, che viene sostituito da un segmento troncato dell'uretere. L'uso delle modifiche dipende dalle caratteristiche anatomiche del rene e dell'uretere.

Con una piccola lunghezza di restringimento, ma a una distanza considerevole dal rene o dalla vescica, il frammento danneggiato dell'uretere viene rimosso, cucendo le parti sane fianco a fianco.

La posizione del frammento ristretto nelle immediate vicinanze della vescica e la lunghezza sufficiente dell'uretere, consente di eseguire un'operazione ureterocistanastomosi diretta. Durante la ricostruzione, la parte interessata dell'uretere viene rimossa e suturata direttamente alla vescica.

Se la lunghezza dell'uretere è insufficiente o la stenosi è più lunga (più di 10 cm), l'operazione viene eseguita con il metodo di Boari. L'operazione Boari implica l'uretere plastico con un frammento di tessuto estratto dalla parete della vescica.

In caso di ampie stenosi dell'uretere retroperitoneale, il restauro viene eseguito utilizzando un frammento dell'intestino.

Non riporre grandi speranze sulla fitoterapia e consulta un medico.

Prepararsi per la chirurgia

La preparazione per la chirurgia comprende un ciclo di terapia antibiotica mirata a sopprimere l'infiammazione delle vie urinarie.

Se necessario, il tessuto dell'intestino, il paziente per 1-2 giorni prima dell'operazione viene trasferito alla nutrizione parenterale ed esegue la soppressione del farmaco dell'attività della microflora intestinale.

Complicazione della malattia

La complicazione più comune che si verifica durante le operazioni ricostruttive per la stenosi dell'uretere è il fallimento del tratto urinario artificialmente creato e le sue connessioni alla vescica o ai reni (anastomosi).

Quando ciò accade, perdite di urina attraverso la fistola formata con la conseguente formazione di flemmone urinario. Se il tessuto dell'intestino è stato utilizzato in plastica ricostruttiva, ci sono casi di peritonite.

Conseguenza della malattia

Le conseguenze del restringimento del lume dell'uretere dipendono dalla velocità di sviluppo della patologia. Con una malattia lentamente progressiva, il sistema renale della pelvi renale (idronefrosi) si espande.

Un fenomeno caratteristico in idronefrosi è la formazione di rughe del rene (atrofia) con la completa perdita delle sue capacità funzionali.

Quando la stenosi si trova al di sotto del terzo superiore dell'uretere, si sviluppa una ureteroidronefrosi, che differisce dall'idronefrosi dall'espansione e dall'allungamento del frammento dell'uretere superiore.

I processi congestizi nel tratto urinario superiore sono la causa dello sviluppo e della progressione di malattie infiammatorie che aggravano il decorso della malattia.

Prevenzione e prognosi

Al fine di prevenire il verificarsi di complicazioni, è necessario osservare le seguenti regole:

  • rimozione del liquido dal rene mediante nefrostomia;
  • installazione di tubi di drenaggio nello spazio retroperitoneale;
  • monitoraggio da parte del personale medico dei sistemi di drenaggio in tempo e dopo l'intervento;
  • controllo sistematico della pervietà del drenaggio.

In generale, la prognosi per il trattamento tempestivo delle stenosi ureterali è favorevole. Tuttavia, il successo dell'operazione dipende interamente dal grado di conservazione della funzionalità renale, poiché lo sviluppo dell'insufficienza renale cronica, in molti casi, rende impossibile la chirurgia plastica, soprattutto quando è necessario sostituire il tessuto ureterale con l'intestino.

Conseguenze del restringimento dell'uretere e delle misure applicate

Il pieno funzionamento dei vari sistemi del corpo in caso di danno diventa possibile grazie al fatto che i tessuti hanno la capacità di recuperare. Ma concepito questo processo provoca cambiamenti irreversibili nelle loro cellule. Esempi chiari sono l'aterosclerosi o stenosi ureterale. Per confronto, sono state prese aree colpite completamente diverse (canale dei vasi sanguigni e canale conduttivo delle urine), ma hanno un meccanismo di guarigione comune;

Vista problema

L'uretere è un organo cavo accoppiato, che si trova tra il rene e la vescica, e li connette. Normalmente, ha tre restringimenti definiti anatomicamente, dove il suo diametro diminuisce a 2-3 mm. Se il sistema escretore umano è sano, allora possono facilmente espandersi e ritornare alla loro posizione precedente, che si ottiene grazie all'elasticità delle loro pareti. Tuttavia, in alcune circostanze, si verifica una crescita fibrosa dei tessuti e compaiono focolai di sclerosi, a seguito dei quali il normale funzionamento dell'organo è marcatamente ridotto.

Di conseguenza, il deflusso dell'urina diventa difficile, l'epitelio mucoso viene sostituito con un tessuto cicatriziale e si sviluppa atrofia delle fibre muscolari dell'organo tubulare. Perde la capacità di allungarsi normalmente, motivo per cui in parte perde le sue funzioni. Ciò porta al ristagno di urina nella pelvi renale, causando effetti irreversibili. Il dotto urinario stesso è allungato e si raggrinzisce. La stenosi ureterale è considerata una malattia grave e ha un codice ICD-10 - N13.5.

Cause di restringimento dell'uretere

La ragione principale del restringimento dell'uretere è la violazione dell'integrità delle sue pareti interne, a seguito della quale il processo di rigenerazione viene avviato attraverso la formazione di tessuto fibroso nell'area ristretta. Secondo la classificazione e tenendo conto della natura degli effetti patologici sull'organo urinario, è comune dividere le stenosi congenite e acquisite.

Le prime sono le contrazioni fisiologiche dell'uretere, che comprendono lesioni ischemiche o cicatriziali causate da anomalie anatomiche. Sono formati negli 1-2 mesi di sviluppo intrauterino e sono rilevati nel bambino alla nascita. Le patologie acquisite sono suddivise in diversi tipi a seconda dei fattori di influenza.

  1. Apri. Sono considerati una conseguenza delle ferite addominali (arma da fuoco o coltello) o dell'intervento chirurgico.
  2. Infiammatorie. Appaiono come risultato dell'insorgere di malattie infettive che si verificano in forma cronica: cistite, pielonefrite, urolitiasi.
  3. Cancro. Appaiono come risultato della compressione di varie neoplasie - un tumore o una cisti.

Molto spesso sviluppano stenosi di natura iatrogena, cioè causate da traumi all'epitelio mucoso durante le manipolazioni mediche. Questi includono:

  • trattamento chirurgico dell'iperplasia prostatica negli uomini;
  • chirurgia sugli organi pelvici nelle donne;
  • procedure minimamente invasive o diagnostiche che utilizzano apparecchiature endoscopiche;
  • irradiazione radioattiva degli organi pelvici nel trattamento delle patologie tumorali.

Un altro motivo è la tubercolosi della vescica e dei reni, che è caratterizzata da molteplici aree di stenosi nei dotti escretori. La stessa patologia può essere rilevata sullo sfondo del corso di alcune altre malattie infettive. Il restringimento dell'uretere in un bambino, di regola, è di natura congenita.

Manifestazioni di patologia

Il restringimento del lume dell'uretere può essere determinato innanzitutto dalla violazione del deflusso delle urine. I segni specifici di otturazione si manifestano nelle complicanze causate dalla stenosi. Questo è:

  • pielonefrite;
  • idronefrosi renale;
  • urolitiasi;
  • insufficienza renale cronica.

A seconda dell'eziologia della malattia concomitante, la stenosi ureterale presenta i seguenti sintomi:

  • ridurre la quantità di urina secreta mentre si mantiene un normale regime di assunzione di bevande;
  • dolore sordo e dolente nella regione lombare;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • un aumento della temperatura corporea a valori critici, accompagnato da brividi;
  • dolori muscolari e articolari, febbre;
  • dolore acuto che si irradia di lato, simile a "colica renale";
  • segni di intossicazione - nausea, vomito, secchezza delle fauci, debolezza, crampi;
  • cambiamento delle caratteristiche delle urine - torbidità, odore sgradevole, impurità del sangue.

Negli uomini, sullo sfondo di un restringimento dell'uretere durante la miccolazione, diventa necessario filtrare i muscoli della cavità addominale.

In questo caso, il getto diventa irregolare e schizza pesantemente.

La gravità dei sintomi dipende dalla variante della lesione: singola o doppia. Con lo sviluppo della stenosi unilaterale, diventa naturale aumentare il carico su un rene sano, in conseguenza del quale l'organo malato perde gradualmente la sua funzionalità e atrofia.

Conseguenze pericolose

Nella maggior parte dei casi, il restringimento dell'uretere nelle donne e negli uomini senza trattamento può portare a complicazioni pericolose e gravi conseguenze. La gravità è dovuta alla velocità dello sviluppo della patologia. I risultati più comuni della stenosi sono le seguenti condizioni:

  1. La pielonefrite è un processo infettivo-infiammatorio che si sviluppa sullo sfondo del ristagno delle urine.
  2. L'idronefrosi è un'estensione del sistema pelvico renale.
  3. Insufficienza renale cronica: diminuzione della capacità di filtrazione del parenchima renale dovuta a disturbi circolatori.
  4. Atrofia - corrugazione dell'organo interessato a causa della perdita di funzionalità dovuta al restringimento del condotto di uscita.

Con una stenosi dell'uretere forte o multifocale, aumenta la probabilità di sviluppare complicazioni pericolose:

  • prostatite cronica e adenoma prostatico;
  • cisti renali;
  • orchiepididymitis;
  • sepsi;
  • rottura dell'uretere.

Diagnosi di stenosi ureterale

All'ammissione iniziale, il medico valuta la storia della malattia e della vita del paziente e lo invia anche a un esame approfondito. La rilevazione della stenosi ureterale viene eseguita in modo completo, per chiarire la diagnosi, vengono utilizzati metodi informativi moderni.

La ricerca di laboratorio include un elenco di test che consentono di valutare la funzionalità del sistema urinario:

  • analisi delle urine;
  • analisi del sangue biochimica per valutare il livello di urea e creatinina;
  • coltura di urina batterica per determinare il tipo di agente patogeno.

I metodi strumentali consentono di determinare la localizzazione della stenosi, la sua lunghezza, per valutare visivamente i cambiamenti che si sono verificati nel sistema renale. La diagnosi di stenosi ureterale si basa sui risultati delle seguenti procedure.

  1. Stati Uniti. Usando gli ultrasuoni, è possibile identificare i cambiamenti nella struttura dell'apparato renale, la presenza di tessuto cicatriziale, il grado di danno.
  2. Radiografia con miglioramento del contrasto o CT. Aiuta a determinare il tipo, la forma, la posizione precisa e la causa della costrizione.
  3. MR. È usato come metodo alternativo per limitare l'uso della tomografia computerizzata e della tomografia d'organo.
  4. Urografia o endoscopia con l'uso di un componente di contrasto. Consente di visualizzare il tratto urinario, identificare le aree di contrazione, la presenza di reflusso vescico-ureterale e il suo grado.
  5. Angiografia tridimensionale. Ti permette di prendere in considerazione una parte della stenosi anormalmente ridotta e determinare il grado della sua espansione.
  6. Uretrografia retrograda. È nominato in caso di conservazione della passibilità minima del canale ureterale. L'agente di contrasto viene inserito usando il catetere più sottile nella pelvi, dopo di che le immagini vengono riprese.
  7. Uretrografia anterograda. Il metodo viene utilizzato quando è necessario determinare con precisione la posizione e la lunghezza della stenosi. Il contrasto viene introdotto nel rene mediante una puntura esterna dell'ago.

Informazioni specifiche sul sistema urinario del paziente possono essere ottenute utilizzando la scansione a fascio di elettroni. Lo studio determina la lunghezza dell'uretra, la presenza di eventuali anomalie patologiche in esso, i cambiamenti nella parte superiore e inferiore della MVS (sistema urinario) e rivela lo stato del rene.

Tipi di trattamento

La stenosi ureterale appartiene alla categoria di malattie che non sono suscettibili di trattamento con farmaci e medicina tradizionale, ma viene effettuata esclusivamente con l'aiuto dell'intervento chirurgico. Il trattamento moderno della stenosi ureterale è diretto principalmente all'evacuazione dell'urina dalla vescica. Per questi scopi, è possibile utilizzare diversi modi.

Stenting. Con l'aiuto di un cistoscopio, un sottile catetere viene inserito attraverso l'organo non funzionante nella pelvi renale, attraverso il quale l'urina inizia a fluire. Di regola, ha un colore scuro, un odore sgradevole e la presenza di impurità nel sangue.

Drenaggio percutaneo Nella regione lombare, la pelle viene perforata e l'ago viene inserito nella cavità del bacino. Un catetere viene fatto passare attraverso di esso, che è fissato sul corpo del paziente. La procedura viene eseguita utilizzando l'anestesia locale sotto il controllo degli ultrasuoni.

Nel caso dell'inefficacia di questi metodi o dell'impossibilità della loro attuazione, si raccomanda di ricorrere a un'opzione radicale - la chirurgia. Con il suo aiuto, due problemi sono risolti contemporaneamente: la rimozione del fluido dalla vescica e l'eliminazione della causa che ha provocato lo sviluppo della stenosi. Per questi scopi, applica tecniche moderne:

  1. Chirurgia ricostruttiva.
  2. Adesioni di dissezione endouretrale.
  3. Dilatazione di bougienage o balloon seguita da stenting.
  4. Operazione Boari o Falley.
  5. Ureterocistanastomosi diretta.
  6. Rimozione radicale del rene e dell'uretere.

Qualsiasi tipo di trattamento chirurgico è necessariamente completato da un ciclo di terapia antibiotica, che viene effettuato al fine di prevenire l'accessione secondaria dell'infezione. Secondo le recensioni, i più popolari sono i farmaci del gruppo delle cefalosporine o i fluorochinoloni - Ceforuxim, Ofloxacin. Inoltre, in relazione alla terapia riabilitativa del paziente viene effettuata, e in alcuni casi, è indicata la riabilitazione del sanatorio-resort.

Prognosi e prevenzione della stenosi

Con la terapia tempestiva e adeguatamente eseguita, la prognosi è positiva. Nel caso di insufficienza renale cronica, la diagnosi non è più così categorica. L'assenza di misure terapeutiche può portare alla ricorrenza di patologie, anche se l'operazione è stata eseguita con successo.

Si consiglia al paziente di seguire il consiglio del medico:

  • evitare danni agli organi pelvici;
  • escludere la passione per gli sport traumatici;
  • tempo per curare le malattie della zona urogenitale.

Dopo un'operazione riuscita per minimizzare il rischio di complicazioni, è necessario osservare le seguenti regole:

  • rimozione del liquido dal rene mediante nefrostomia;
  • installazione di tubi di drenaggio nella cavità addominale;
  • controllo dello stato dei sistemi di drenaggio da parte del personale medico;
  • verifica sistematica della pervietà dei tubi.

Al fine di prevenire la necessità di cambiare lo stile di vita, regolare la nutrizione e assumere antibiotici, farmaci antivirali e immunomodulatori per prevenire l'infezione del tratto urinario.

conclusione

Una stenosi ureterale è considerata una patologia grave che colpisce il lavoro dell'intero sistema urinario e può portare a complicazioni pericolose. In caso di dolori doloranti nella regione lombare, accompagnati da difficoltà a urinare, è necessario contattare immediatamente un istituto medico. L'ecografia degli organi pelvici consentirà di identificare il restringimento dell'uretere (quando è formato) e di prendere le misure appropriate.